Roma, violente proteste contro un gruppo di rom: cassonetti in fiamme e panini calpestati

Proteste alla periferia est di Roma per l’arrivo di alcune famiglie rom in una struttura di accoglienza di via dei Codirossoni a Torre Maura. A scendere in strada alcune decine di abitanti. È successo martedì 2 aprile. Durante la protesta sono stati incendiati tre cassonetti dei rifiuti. Ed è stata bloccata la consegna dei pasti all’interno della struttura. I panini caduti a terra sono stati calpestati dai manifestanti. Qualcuno ha gridato: “Dovete morire di fame!”. Poi a tarda sera l’intervento del sindaco Raggi: “Saranno ricollocati”.

È stato un pomeriggio ad alta tensione quello vissuto alla periferia est della Capitale. Cassonetti rovesciati, dati alle fiamme e decine di abitanti in strada per un intero pomeriggio. Nella stradina alla periferia della città si sono radunate circa 300 persone, tra cui anche anziani. Con il passare del tempo la rabbia è salita. I residenti hanno creato una sorta di barricate con i cassonetti dei rifiuti, posizionati al centro della strada, rovesciati o dati alle fiamme.

Alcuni hanno poi bloccato la consegna dei pasti all’interno del centro da parte di un addetto. I panini che dovevano esser consegnati sono caduti a terra e sono stati calpestati dai manifestanti, perché non potessero più essere forniti ai nomadi. La protesta è scattata con l’arrivo delle prime famiglie dal centro d’accoglienza di via Toraldo a Torre Angela nella struttura di via dei Codirossoni, vincitrice di un bando europeo. Ad accogliere i rom, una settantina, scortati dalle forze dell’ordine, una folla di residenti inferociti. “Andate via” hanno urlato alcuni. “Basta con queste decisioni calate dall’alto” hanno protestato altri.

In merito al trasferimento di circa 60 persone rom dalla struttura di via Toraldo a quella di via dei Codirossoni, l’Ufficio speciale Rom sinti e caminanti ha deciso di ricollocare le persone presenti nella struttura presso altri centri d’accoglienza per persone fragili su tutto il territorio romano”. Lo comunica il Campidoglio in tarda serata dopo le proteste degli abitanti. “Le operazioni saranno curate dalla Sala operativa sociale a partire da stamattina e si concluderanno in sette giorni”, si spiega nella nota.

Chi non è d’accordo con le parole del Santo Padre?“. Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi intervenendo diMartedì -. Su migranti e campi rom sto portando avanti quella che abbiamo chiamato la ‘terza via’: inflessibili con i delinquenti, accoglienti con le persone fragili. I bambini e le persone fragili devono essere aiutati. I delinquenti devono andare in carcere e ci devono restare. Non si può fare di tutta l’erba un fascio“.

Photo credits: Twitter

Loading...