In Libreria

Questa settimana la rubrica di Velvet Mag “In Libreria” consiglia 5 novità editoriali: un nuovo appuntamento per la signora in giallo; le amare ma ironiche riflessioni di uno scrittore controcorrente; storie di verità nascoste narrate da un’attrice; le avventure di un ragazzo in un palazzo in rovina; quel “quarto” di sangue che tutti abbiamo e che a volte ritorna…

La signora in giallo di Jessica Fletcher
In un primo momento Jessica tenta di tenere a bada il suo istinto da scrittrice di libri gialli, che la porta a vedere crimini a ogni angolo e qualcosa di losco in ogni morte improvvisa e inspiegabile. Ma più passano le ore, più si convince che non sia stata una fatalità e che in realtà si tratti di omicidio: al centro dei suoi sospetti, si trova un misterioso sito di appuntamenti online che il marito di Barbara ha frequentato durante un momento difficile del matrimonio e che potrebbe essere coinvolto in qualche modo in una truffa da milioni di dollari. Non appena un nuovo omicidio si aggiunge alla lista, Jessica si unisce quindi a un giovane e brillante hacker per seguire e avvalorare la sua pista. A un passo dalla verità, però, rischia di essere lei la prossima vittima. La posta in gioco non è mai stata così alta, e la Signora in Giallo dovrà escogitare una trappola perfetta per evitare il suo… appuntamento con la morte.

 

 

 

Le consapevolezze ultime di Aldo Busi

Allontanandosi prima con la mente che con il ventre da una cena mondana tanto esilarante quanto amara e passando per un ricordo d’infanzia dell’inossidabile Barbino di “Seminario sulla gioventù”, attraverso se stesso Aldo Busi ci racconta le tragedie di un mondo in cui, insieme allo sforzo di nascondere l’ipocrisia, si è perso anche l’ultimo barlume di compostezza etica: il patto sociale è stabilito da chi ha potere e denaro sufficienti per calpestarlo. In una società popolata da uomini e donne così arroganti da pretendere di esserne i protagonisti disperati e interessanti, dove si comunica a occhiate o facendo l’occhiolino e la lingua è corrotta non meno dei costumi, tutto contribuisce ad alimentare lo stolto chiacchiericcio che copre – anzi permette di non ascoltare – persino una drammatica richiesta d’aiuto lanciata dal cuore del Mediterraneo.

 

 

 

Brividi immortali di Laura Morante

Famiglie, coppie in crisi, omicidi e amici: storie di verità taciute che assumono, senza volerlo, le sembianze di una bugia. Tradimenti e paure alimentati da vecchi rancori o da accadimenti fortuiti, fraintendimenti e rimpianti serbati per anni che arrivano improvvisi a scompaginare le carte, a scrivere da capo un inizio o una fine, mandando all’aria ogni morale. Irregolari e spiazzanti, quasi si muovessero al ritmo di un’improvvisazione jazz, diversissimi eppure legati nel profondo, i Racconti e interludi di Laura Morante si spalancano come finestre spazzate da venti umorali su un mondo di relazioni e affetti, attraversato da una quotidiana violenza, piccola o grande. Ma sopra ogni cosa, su queste donne inquiete, fragili, contraddittorie, su questi uomini razionali e infantili, su bambini sognanti e feroci, su città familiari come case di campagna e case di campagna sterminate come continenti da esplorare, veleggia un’esatta, implacabile ironia che, nel disordine degli elementi, scova una bellezza insensata: la melodia disarmonica, imprevedibile e trascinante su cui il destino ci invita a ballare. Note (musicali) in testa e in coda agli interludi di Nicola Piovani.

Il palazzo della mezzanotte di Carlos Ruiz Zafon

Calcutta, 1916. Una locomotiva infuocata squarcia la notte portandosi dietro un carico di morti innocenti mentre un giovane tenente inglese sacrifica la vita per salvare due gemelli neonati, un maschio e una femmina, inseguiti da un tragico destino. Calcutta, 1932. Ben, il gemello maschio, compie sedici anni e festeggia l’inizio della sua vita adulta, il giorno in cui dovrà abbandonare l’orfanotrofio. Festeggia anche l’ultimo giorno della Chowbar Society, un club segreto formato da sette orfani che per anni si riunito in un antico edificio in rovina, il Palazzo della Mezzanotte. Ma il passato bussa alla porta. Una bellissima ragazza, la sorella gemella Sheere, entra nel palazzo e inizia a raccontare una storia d’amore, morte, pazzia e vendetta che come un’ombra nera si proietta sul futuro del fratello. Le braci dell’incendio di sedici anni prima ricominciano ad ardere..

 

 

 

In esilio di Simone Lenzi

Ogni famiglia ha un quarto di sangue oscuro, si tramanda di generazione in generazione. Chi pure abbia trovato pace e serenità deve sapere che il quarto di sangue oscuro gli scorre nelle vene e basta poco perché torni a reclamare il diritto ereditario sulla sorte di ogni uomo. Ne è convinto il protagonista di questa storia, un cinquantenne livornese che, con la moglie, decide di ritirarsi in campagna per stare lontano da una società in cui non si ritrova più. D’altronde, quando ripercorre la vita dei suoi parenti favolosamente eccentrici, come il Cugino L., in piedi dietro al bancone del bar dalle sei del mattino fino a mezzanotte, a servire clienti con i quali non ha mai scambiato una parola perché “non aveva niente da dire”, o il Cugino S., fuggito dal seminario per chiudersi in una stanza senza cibo né alcun tipo di conforto, ne è certo: la stranezza attraversa i rami dell’albero genealogico della sua famiglia. Non c’è da stupirsi, quindi, che a lui sia riservata la fine che sta facendo, in esilio, lontano da tutti. Simone Lenzi ci conduce nelle stanze intime della memoria, dove si celano i segreti dell’esistenza.