Monte Bianco, furgone con 2 kg di tritolo bloccato da Polizia: terrorismo?

Un furgone Mercedes sprinter bianco con targa bosniaca che stava entrando in Italia dalla Francia è stato bloccato dalla Polizia con due chili di tritolo a bordo. L’esplosivo era diviso in candelotti, nascosti nel vano dietro l’autoradio. Presenti anche due detonatori. Alla guida del pulmino c’era un bosniaco incensurato di 56 anni, con altri quattro suoi connazionali. Non si conosce al momento la destinazione dell’esplosivo, ma sembra esclusa la pista del terrorismo. L’operazione è stata condotta dalla squadra mobile di Aosta in collaborazione con la polizia di frontiera e la Digos.

La Polizia ha fermato un furgone Mercedes sprinter bianco con targa bosniaca, spuntato dalla galleria sul versante italiano del traforo del Monte Bianco: a bordo, le forze dell’ordine hanno trovato due chili di tritolo. Alla guida c’era un cittadino bosniaco incensurato di 56 anni, assieme ad altri suoi quattro connazionali.

L’operazione è stata condotta dalla squadra mobile di Aosta in collaborazione con la polizia di frontiera e la Digos. Il furgone è stato bloccato nel piazzale del traforo, come per un normale controllo, e gli agenti hanno smontato il furgone pezzo per pezzo. Poi la scoperta: sono stati ritrovati due chili di tritolo, divisi in candelotti e nascosti nel vano dietro l’autoradio, oltre a due detonatori. Gli artificieri, intervenuti sul posto, hanno messo in sicurezza l’esplosivo e lo hanno portato via.

I cinque occupanti del furgone, che è stato posto sotto sequestro, sono stati condotti negli uffici della polizia di frontiera di Courmayeur, dove sono stati interrogati. Al momento, non si conosce la destinazione dell’esplosivo trovato a bordo del furgone. Stando alla prima ricostruzione dei fatti riportata da ‘La Repubblica’, l’unica certezza è che secondo gli inquirenti al momento è escluso qualsiasi collegamento con il terrorismo. L’operazione è nata da un’indagine antidroga, non collegata, della squadra mobile di Milano. 

Photo credits: Twitter

Commenti

commenti