Hyundai presenta la sua prima supercar: ecco Genesis Essentia

Anche Hyundai ha la sua supercar: il gruppo coreano ha presentato al New York Auto Show la Genesis Essentia Concept, creata dal centro design guidato da Luc Donckerwolke. Che ha dichiarato: “La tipologia Gran Turismo sottolinea l’ambizione di essere un marchio automobilistico di lusso destinato a veri intenditori ed è la base perfetta per proiettare il DNA verso il futuro”. La vettura ha propulsione 100% elettrica e propone fibre di carbonio, stampa 3D dei materiali e digitalizzazione spinta dell’interfaccia uomo-macchina. Ecco tutti i dettagli sulla prima supercar del gruppo Hyundai…

La prima supercar del gruppo Hyundai è l’affascinante Genesis Essentia Concept. La vettura è stata presentata dal gruppo coreano in occasione del New York Auto Show, parallelamente al lancio della nuova ammiraglia K9 di Kia, posizionata nel mercato Usa come diretta concorrente dei modelli Audi A8, Bmw Serie 7 e Mercedes Classe S.

La supercar Genesis Essentia Concept è stata creata dal centro design guidato da Luc Donckerwolke. L’automobile ha propulsione 100% elettrica (dichiarata l’ipotesi di un’accelerazione 0-100 in 3 secondi) e propone fibre di carbonio, stampa 3D dei materiali e digitalizzazione spinta dell’interfaccia uomo-macchina. Durante la presentazione a New York della Genesis Essentia Concept, Luc Donckerwolke ha dichiarato che “la tipologia Gran Turismo sottolinea l’ambizione di essere un marchio automobilistico di lusso destinato a veri intenditori ed è la base perfetta per proiettare il DNA verso il futuro”.

La  tinta scelta per l’esterno è denominata Stardust Grey. Spiccano la Crest Grille frontale e i gruppi ottici Quad Lights, il cofano semi trasparente e le portiere con apertura verticale che include anche una sezione trasparente del tetto. All’interno i pellami in tinta Cognac e Oxford Blue sono abbinati a finiture di alluminio con due opzioni (spazzolata e glass pearl). Il display da 8 pollici dedicato al guidatore gestisce le informazioni relative alla guida, mentre il resto del cruscotto è dedicato all’infotainment. 

Photo credits: Twitter