Instagram, “Shopping” arriva anche in Italia: tutti i dettagli

Dopo averla introdotta negli Stati Uniti d’America lo scorso anno, Instagram ha deciso di implementare anche in Italia la funzione ‘Shopping’, che consente alle aziende di inserire speciali tag nei propri post attraverso i quali gli utenti possono fare acquisti in maniera diretta. Cliccando sull’icona con la borsa della spesa, l’utente può ottenere foto e informazioni su un determinato prodotto e acquistarlo sul sito internet del marchio senza doverlo cercare online. Lo strumento è gratuito ma, per ora, è riservato alle aziende o ai profili business ed è possibile taggare solo prodotti fisici. Negli ultimi tre mesi, il 39% delle persone ha acquistato articoli di moda da smartphone o tablet. Ecco tutti i dettagli sulla nuova funzionalità implementata anche in Italia da Instagram…

La funzione Shopping di Instagram, che consente alle aziende di utilizzare speciali tag nei propri post attraverso i quali consentire agli utenti di fare acquisti in maniera diretta, sbarca anche in Italia! Negli Stati Uniti d’America era stata implementata lo scorso anno, ma ora è possibile utilizzarla anche nel nostro Paese. Agli utenti basta un click sull’icona con la borsa della spesa per ottenere foto e informazioni su un determinato prodotto, acquistabile sul sito web del marchio senza doverlo cercare online. Lo strumento Shopping è gratuito. Per ora, è riservato solo ad aziende o profili business (ad oggi sono 25 milioni in tutto il mondo), che possono taggare solo prodotti fisici.

Dal momento che le persone arrivano su Instagram ogni giorno per scoprire e acquistare prodotti delle loro aziende preferite, dice Jim Squires, Head of Business di Instagram, il social network vuole “un’esperienza senza soluzione di continuità”. Lo riporta ‘Wired’.

Stando ai dati della ricerca Fashion Path to Purchase di Facebook IQ (Mark Zuckerberg detiene il social network delle fotografie), negli ultimi tre mesi, il 39% delle persone ha acquistato articoli di moda da smartphone o tablet.

Photo credits: Twitter