Firenze a lutto. Pronta per l’ultimo addio a Davide Astori, il capitano gentiluomo

La salma del capitano della Fiorentina, nonché ex Milan, Cagliari e Roma, Davide Astori, 31 anni, è a Coverciano. Nella grande palestra è stata allestita la camera ardente che aprirà alle 16.30 fino alle 22,30 di oggi 7 marzo. Domani 8 marzo i funerali alle 10 nella basilica di Santa Croce. Sarà lutto cittadino.

All’interno del centro tecnico federale la compagna, Francesca Fioretti, i genitori Renato e Anna e l’altro fratello di Astori, Bruno. Arrivati anche il direttore generale viola Pantaleo Corvino e il presidente esecutivo Cognigni insieme al cappellano della Fiorentina e della Nazionale don Massimiliano Gabbricci, al tecnico Stefano Pioli (che ha annullato l’allenamento pomeridiano) e a diversi giocatori fra i quali Sportiello, l’ultimo ad aver visto in vista Davide, Saponara e Veretout. All’esterno di Coverciano, che eccezionalmente aprirà tutti e tre i cancelli, si sono radunati già molti tifosi. Ad attendere l’apertura dei cancelli anche il padre di Federico Bernardeschi, Alberto.

IL VERDETTO DELL’AUTOPSIA

Secondo i primi responsi dell’autopsia, Davide Astori è deceduto a causa di una “morte cardiaca senza evidenze macroscopiche, verosimilmente su base bradiaritmica”, dunque probabilmente per cause naturali, come se il cuore avesse rallentato. L’anatomopatologo Carlo Moreschi e il professor Gaetano Thiene hanno precisato ieri 6 marzo che “per la diagnosi definitiva sono necessari approfonditi esami istologici seriati”. Gli accertamenti saranno eseguiti entro 60 giorni.

LUTTO CITTADINO A FIRENZE

Con un’ordinanza, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha proclamato per domani 8 marzo, giorno dei funerali del capitano della Fiorentina, il lutto cittadino. Saranno esposte sugli edifici pubblici le bandiere di Firneze a mezz’asta, segni di lutto sui mezzi di trasporto pubblico e sui veicoli di servizio pubblico. Le esequie si svolgeranno alle 10 del mattino nella basilica di Santa Croce. Nardella invita i fiorentini a osservare nei luoghi di lavoro un minuto di silenzio e raccoglimento alle 13 (numero della maglia indossata da Astori) e ad osservare nelle scuole un minuto di silenzio e raccoglimento, dove possibile, sempre alle 13 o comunque in mattinata. Inoltre, invita gli esercizi commerciali ad abbassare le saracinesche per 10 minuti dalle 13 alle 13.10 e le scuole a promuovere, in accordo con le autorità scolastiche competenti, autonomi momenti di riflessione e di approfondimento sul tema del valore dello sport e del calcio in particolare.

Photo credits: Twitter