La Huracan di Papa Francesco al Museo Lamborghini

La Lamborghini Huracàn RWD con livrea ‘vaticana’ (di colore bianco Monocerus con strisce in giallo Tiberino, in omaggio ai colori della Città del Vaticano) e firma di Papa Francesco sulla carrozzeria, donata al Santo Padre lo scorso 15 novembre, è stata trasportata al Museo della Casa di Sant’Agata Bolognese. Il prossimo 12 maggio la vettura verrà messa all’asta per beneficenza da RM Sotheby’s al Grimaldi Forum di Montecarlo. Il ricavato della vendita all’asta della Lamborghini Huracàn RWD di Papa Francesco verrà così suddiviso: il 70% della somma sarà devoluto al progetto di ricostruzione della Piana di Ninive per mezzo della Fondazione di diritto pontificio Aiuto alla Chiesa che Soffre, il 10% andrà all’associazione Amici per il Centrafrica Onlus, il 10% al Gruppo Internazionale Chirurghi Amici della Mano (GICAM) e il restante 10% all’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII.

È arrivata al Museo della Lamborghini, a Sant’Agata Bolognese, la Lamborghini Huracàn RWD con livea ‘vaticana’ (di colore bianco Monocerus con strisce in giallo Tiberino, in omaggio ai colori della Città del Vaticano) donata a Papa Francesco lo scorso 15 novembre. La carrozzeria presenta sul cofano la firma del Pontefice. All’interno dell’abitacolo, invece, spicca la selleria in pelle.

Non si tratta, però, della nuova PapaMobile in uso a Papa Francesco. L’esemplare unico donato al Santo Padre lo scorso autunno, come già annunciato al momento della sua consegna, verrà messo all’asta per beneficenza da RM Sotheby’s al Grimaldi Forum di Montecarlo, il prossimo 12 maggio.

Il ricavato della vendita all’asta della Lamborghini Huracàn RWD di Papa Francesco verrà così suddiviso: il 70% della somma sarà devoluto al progetto di ricostruzione della Piana di Ninive per mezzo della Fondazione di diritto pontificio Aiuto alla Chiesa che Soffre, il 10% andrà all’associazione Amici per il Centrafrica Onlus, il 10% al Gruppo Internazionale Chirurghi Amici della Mano (GICAM) e il restante 10% all’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII.

Photo credits: Twitter