Cuba, shock all’Avana: si uccide “Fidelito”, primogenito di Fidel Castro

Il figlio maggiore di Fidel Castro, Fidel Angel Castro Díaz-Balart, 68 anni, si è tolto la vita all’Avana. La notizia è riportata dai media di Stato cubani che spiegano come mesi fa l’uomo fosse stato in cura per una forte depressione.

Per un periodo di tempo, riporta El Pais online, era stato ricoverato in ospedale, mentre attualmente si sottoponeva a cure ambulatoriali. “Il dottore in Scienze Fidel Castro Díaz-Balart – scrive Granma, organo ufficiale del partito comunista – che era seguito da un’equipe di medici da mesi per un forte stato depressivo, si è tolto la vita oggi, primo febbraio”.

Soprannominato “Fidelito” per la sua somiglianza con il padre, il primogenito del fondatore della rivoluzione cubana nacque dal primo matrimonio di Fidel Castro con Allegra Diaz-Balart, figlia di un politico cubano degli anni ’40. Nato il primo settembre 1949, Fidelito fu stato inviato da suo padre in Unione Sovietica per studiare fisica nucleare, un settore nel quale ha ricoperto alte cariche dal 1983 al 1992.

Il giovanissimo Fidelito con il padre Fidel Castro

Prima di essere nominato Vice-Presidente dell’Accademia delle scienze di Cuba, ruolo che ha ricoperto fino alla sua morte. Dopo il divorzio tutta la famiglia Diaz-Balart era fuggita in esilio volontario nella vicina Florida. Più tardi, dopo che Castro si è risposato, Fidelito diventò il maggiore di una grande nidiata di bambini, ben 11.

Negli anni ’80, il líder máximo aveva sfruttato suo figlio per guidare il programma nucleare di Cuba. L’implosione dell’Unione Sovietica privò però Cuba del Paese suo più grande benefattore. Allo stesso tempo, problemi insormontabili di natura tecnica e finanziaria avevano condannato la centrale nucleare cubana, oggi reliquia abbandonata della Guerra Fredda. L’anziano Castro accusò pubblicamente il figlio, che licenziò senza tante cerimonie nel 1992. “Non c’è rassegnazione. È stato licenziato per incompetenza. Qui non c’è una monarchia”, disse gelidamente. Anche se Fidelito avrebbe in seguito ottenuto nuove nomine – al momento della sua morte, era consigliere scientifico del Consiglio di Stato e vicepresidente dell’Accademia delle scienze di Cuba – non è mai riuscito a riprendersi. Pochi lo consideravano un giocatore serio nella politica dell’isola, ora governato da suo zio, Raul Castro, che dovrebbe dimettersi ad aprile.

Il figlio maggiore di Fidel Castro, Fidel Angel Castro Díaz-Balart, 68 anni, si è tolto la vita all'Avana. La notizia è riportata dai media di Stato cubani che spiegano come mesi fa l'uomo fosse stato in cura per una forte depressione.

Photo credits: Twitter / Omero Ciai @omerociai

 

 

 

Commenti

commenti