Arriva la Ferrari elettrica: l’annuncio di Marchionne

Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca, ha rilasciato importanti dichiarazioni su una futura supercar elettrica firmata Ferrari: “Se qualcuno fa la supercar elettrica, la fa Ferrari, sarà la prima a farlo: la faremo, è un dovuto”. E il Suv Ferrari – spiega la casa di Maranello – arriverà entro il 2020. Ecco le dichiarazioni di Marchionne, anche sulla produzione di un’altra Jeep in Italia e sull’obiettivo della piena occupazione in Italia…

“Se qualcuno fa la supercar elettrica, la fa Ferrari, sarà la prima a farlo: la faremo, è un dovuto”. Con queste parole, riportate da ‘Ansa’, l’amministratore delegato di Fca Sergio Marchionne ha ufficializzato l’intenzione dell casa di Maranello di produrre una supercar elettrica. Ma la Ferrari elettrica sarà nel piano industriale? Marchionne ha risposto a questa domanda così: “Potrebbe”. Secondo quanto spiegato da Maranello, inoltre, il Suv del Cavallino di cui si è vociferato a lungo arriverà entro il 2020.

Marchionne ha aggiunto: “La produzione di un’altra Jeep in Italia è possibile. Potremmo riempire tutti gli stabilimenti con Alfa Romeo e Maserati, è più intelligente da fare di altro”. E sull’organico: “Stiamo aumentando l’organico a 60mila negli Stati Uniti d’America e adesso ne aggiungiamo 2.500. Se lo gestiamo bene lo stesso futuro arriverà anche in Italia. Dateci il tempo per farlo”.

Per la piena occupazione in Italia, l’ad di Fca ha spiegato: “Dobbiamo completare lo sviluppo di Alfa Romeo e Maserati, è un atto dovuto; fa parte del piano”. Poi, ha aggiunto di non sapere se si riuscirà a raggiungere entro l’anno l’obiettivo della piena occupazione in Italia. “Gli investimenti – ha proseguito Marchionne – stanno già prendendo piede per lo sviluppo della gamma. Se dovessimo riempire completamente la gamma Alfa Romeo e Maserati, riempio tutti gli stabilimenti. Le piattaforme sono già stabilite. C’è tanto lavoro da fare. la cosa importante è avere le idee chiare su cosa costruire”.

Photo credits: Twitter

Commenti

commenti