“Mi hanno arrestato qui a Dubai…”: a Giletti la telefonata shock del suo inviato. Era sulle tracce di Tulliani

Daniele Bonistalli, giornalista di “Non è l’Arena”, la trasmissione de La7 condotta da Massimo Giletti, è stato fermato dalla polizia di Dubai col suo cameraman. La sua “colpa”? Si è messo di nuovo sulle tracce di Giancarlo Tulliani (cognato dell’ex presidente della Camera Gianfranco Fini) latitante dal 20 marzo 2017 a seguito di un mandato di arresto.

Una situazione simile si era già verificata lo scorso mese di novembre. Quando Giancarlo Tulliani (a destra nella foto in alto) era stato “pizzicato” da Bonistalli assieme alla fidanzata all’aeroporto di Dubai. Il Tulliani aveva allertato la polizia, ma alla fine si era ritrovato in manette perché, dopo un controllo, gli agenti avevano scoperto l’esistenza di un mandato di cattura internazionale a suo carico. Il cronista di “Non è l’Arena” aveva passato comunque un brutto momento perché gli avevano chiesto 120 mila euro per liberarlo, ma alla fine la questione era stata risolta.

Adesso uno degli inviati di punta di Massimo Giletti (a sinistra nella foto in alto) è finito di nuovo nei guai. Federica Papadia, la fidanzata di Tulliani, secondo quanto riporta il sito web del Tirreno ha denunciato per stalking Daniele Bonistalli, dopo che il cronista e il suo cameraman si erano piazzati di fronte a una palazzina di Dubai, individuata come “nido d’amore” della coppia in fuga dall’Italia.

Alla “Bur Dubai Police Station”, il giornalista originario della Valdinievole, in provincia di Pistoia, è stato interrogato insieme al cameraman. I due sono arrivati alla stazione di polizia intorno alle 17 ora locale del 9 gennaio (le 14 in Italia). Bonistalli ha comunque potuto avvertire Massimo Giletti. Ha provato a rassicurarlo nella telefonata che dura pochi attimi, secondo quanto riporta Corriere.it: “Sto bene, non ti preoccupare, ma adesso non posso più parlare”. Poche parole, appunto, ma sufficienti per allertare la Farnesina.

GIancarlo Tulliani a Dubai

Photo credits: Twitter

Commenti

commenti