Pagani Huayra Lampo, ecco il ‘gioiello’ firmato Garage Italia Customs di Lapo Elkann

La collaborazione tra Horacio Pagani e Lapo Elkann, fondatore dell’atelier dei motori milanese Garage Italia Customs, ha dato vita ad un esemplare unico della Pagani Huayra Lampo. Ecco tutte le caratteristiche…

Un esemplare unico di Pagani Huayra Lampo personalizzato da Garage Italia Customs (l’atelier dei motori milanese fondato da Lapo Elkann), è stato presentato nelle scorse ore a Milano, nella nuova sede di Piazzale Accursio dell’azienda milanese fondata dall’erede della famiglia Agnelli.

La Lampo ha motore Mercedes a 12 cilindri firmato AMG da 730 Cv abbinato a un cambio robotizzato a sette rapporti, struttura leggerissima con peso contenuto in soli 1.280 kg, freni carboceramici. Le prestazioni: da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi per una velocità massima di 360 km/h. La versione personalizzata da Garage Italia Customs presenta alcuni miglioramenti aerodinamici come ad esempio le nuove prese d’aria frontali (che garantiscono una maggiore portata d’aria verso i due intercooler), le appendici aerodinamiche sullo splitter anteriore (che stabilizzano il muso della vettura ad altissima velocità). La carrozzeria è integralmente in fibra di carbonio, nei colori bianco pastello, rosso metallizzato Garage Italia Customs e nero. L’interno presenta raffinati abbinamenti in calde tonalità che vanno dal marrone al rosso, anche queste esclusive del modello. Le originali finiture metalliche esterne in bronzo richiamano la tinta dei cerchi in magnesio delle vetture da corsa Anni ’50-’60.

“L’idea per quest’auto – ha spiegato Lapo Elkann in alcune dichiarazioni riportate da Ansa – è nata da una vettura storica Fiat, la Turbina, che è stata il punto di partenza emozionale: un’auto che ancora oggi rappresenta la forza dell’Italia che viaggia e che vince. Il nome Lampo, rispetta anche la tradizione della Pagani dell’utilizzo dei venti per i suoi modelli, perché i lampi arrivano veloci con il vento. Horacio Pagani è una leggenda, un’icona del mondo dell’automobile. (…) Lavorare con lui è stato un onore e sono molto contento di aver potuto farlo: è stato come un sogno che spero si ripeti in futuro”. Questi, invece, alcuni passaggi delle dichiarazioni di Horacio Pagani, fondatore e patron della Casa automobilistica emiliana: “Elkann ha un’idea molto chiara del bello e dell’italianità e questo ha reso la sfida ancor più stimolante: è stata una collaborazione al rialzo”.

Photo credits: Twitter

Commenti

commenti