Crotone, fulmine a ciel sereno: l’allenatore Nicola si dimette

Il tecnico del Crotone Davide Nicola ha rassegnato le sue dimissioni. Una tempesta a ciel sereno per la squadra del presidente Vrenna al secondo anno di Serie A.

L’allenatore torinese era stato protagonista di una miracolosa salvezza lo scorso anno, mentre in questa stagione la squadra, dopo un avvio più stentato, è stabilmente fuori, adesso, dalla zona retrocessione. Nicola non ha voluto dare spiegazioni per la sua decisione, ma voci di corridoio raccontano di un’ingerenza del presidente durante l’ultima gara in casa con l’Udinese, persa per 3-0.

Vrenna sarebbe sceso negli spogliatoi a incoraggiare i suoi, tra il primo e il secondo tempo – scrive il sito web Opinione-pubblica.com -, una mossa che non è piaciuta al tecnico. Le dimissioni di Nicola sembrano infatti irremovibili, l’allenatore avrebbe rilasciato testuali parole alla Gazzetta dello Sport: “È tutto vero, ho deciso così e non torno indietro. Io quando dico una cosa non faccio chiacchiere. Credo che ormai mi conoscete bene, sapete come sono fato: nel mio lavoro, nelle mie scelte vado dritto”.

“È una decisione tutta mia e non ho intenzione di scendere in particolari – ha dichiarato ancora Nicola -. Probabilmente lo farà chi di dovere”. La società nelle ultime ore avrebbe tentato una riconciliazione, tuttavia Davide Nicola ha confermato le sue dimissioni. E ora sarebbero pronti a subentrargli sulla panchina Colantuono, Drago, Stellone e Di Carlo. Secondo quanto scrive il sito web della Gazzetta dello Sport, la società calabrese ha già cominciato le consultazioni: il presidente Gianni Vrenna, il d.g. Raffaele, suo figlio, e il d.s. Giuseppe Ursino sono impegnati in un frenetico giro di telefonate. Nicola era legato al Crotone da un contratto fino al giugno 2018, con ingaggio di quasi 500.000 euro.

Photo credits: Twitter

Commenti

commenti