Strasburgo, si decide sulla sua candidabilità di Berlusconi

Alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo è cominciata mercoledì 22 novembre  la prima e unica udienza sul ricorso presentato a settembre 2013 da Silvio Berlusconi contro la decadenza del suo mandato di senatore e la sua ineleggibilità, sancite dalla legge Severino. La decisione attesa a breve.

Ben 550 le persone accreditate per l’udienza, di cui una quarantina di giornalisti, in gran parte italiani ma anche da Francia, Germania e altri Paesi europei. Ad assistere sono arrivati gruppi di studenti, avvocati e giuristi da tutta Italia, ad esempio dall’Università Cà Foscari di Venezia, da Padova, da Lecce, dalla Lumsa di Roma, ma anche dall’estero. Presente anche una rappresentanza della Russia. Questi numeri, precisano dalla Corte di Strasburgo, sono peraltro usuali durante le udienze, quando non è raro vedere l’en plein.

SILVIO: “SARO’ COMUNQUE IN CAMPO”

“È stata un’attesa davvero lunga, durata cinque anni. Ma in queste ore sono sereno e soprattutto fiducioso. Mi aspetto che in tempi contenuti la corte accolga il mio ricorso. Il mio ruolo nella prossima campagna elettorale è comunque già chiaro: indipendentemente dalla candidabilità, sarò in campo per portare il centrodestra al governo del paese“, afferma Berlusconi in un colloquio su Repubblica.

L’ACCUSA

Intanto, nella sua lunga dichiarazione dinanzi alla Grand Chambre il giudice Maria Giuliana Civinini, agente del Governo italiano, sostiene che “con l’applicazione della legge Severino che ha reso incandidabile l’ex premier Silvio Berlusconi non sono stati violati i suoi diritti“. La magistrata ha riepilogato in francese i fatti e ha ricordato “l’intreccio fra la vicenda giudiziaria di Silvio Berlusconi e quella elettorale”, con le date e le successive decisioni del Senato. Rifacendosi ad alcune sentenze della stessa Corte di Strasburgo oltre che a pronunciamenti della Corte costituzionale italiana, il giudice ha detto che gli articoli 6 e 7 della Convenzione europea per i diritti dell’uomo, invocati dai legali di Berlusconi, “non si applicano alle leggi elettorali” e che nessuna legge è stata applicata retroattivamente, visto che il premier è stato eletto al Senato nella primavera 2013, ovvero dopo l’entrata in vigore, a fine dicembre 2012, del testo unico sulle condizioni per l’ineleggibilità secondo la legge Severino.

LA DIFESA

Altrettanto dura la replica della difesa. Per il legale di Berlusconi, Edward Fitzgerald, nel caso del Cavaliere “la legge Severino è stata applicata a fatti contestati per gli anni 1995-1998, quindici prima che la legge fosse adottata”. Il Cavaliere, ha aggiunto davanti alla Corte di Strasburgo, “è stato privato del suo seggio con un voto in un Senato composto a maggioranza da suoi avversari: non era giustizia ma un anfiteatro romano in cui una maggioranza di pollice versi o pollici in alto decidono se uno va su o giù”.

Bimba di 9 mesi morta di stenti: il papà e la mamma condannati a 12 anni

Photo credits: Twitter, Facebook

Commenti

commenti