Roma, Virginia Raggi fa sgomberare la sede di Fratelli d’Italia. Meloni: “Sei la peggior sindaca d’Italia”

“A breve dovrebbe arrivare una delibera in Assemblea Capitolina per il riordino anche delle occupazioni degli immobili del patrimonio. Proprio questa mattina è stata sgomberata a via delle terme di Traiano una sede di Fratelli d’Italia e Alleanza Nazionale. Abbiamo riscontrato una soluzione di morosità prolungata nel tempo, questi partiti si trovavano all’interno della sede comunale, mi viene un po’ da ridere ma il contratto era scaduto nel 1972”.

LA SINDACA SU FACEBOOK

Così ieri pomeriggio 31 ottobre il sindaco di Roma Virginia Raggi – nel corso di una diretta Facebook con i cittadini – ha annunciato lo sgombero della sede storica di Colle Oppio. “Da quella data occupavano una sede del Comune – ha aggiunto – e non pagavano anche i canoni. Io credo che un’azione di ripristino della legalità passi anche da un’azione particolarmente energica nei confronti di tutti quei soggetti, in questo caso partiti, che tra l’altro prendono rimborsi elettorali assai cospicui, che per anni hanno approfittato di un’amministrazione particolarmente disattenta”.

LA REPLICA DI GIORGIA MELONI 

Oggi 1 novembre arriva la dura replica della, leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, sempre via Facebook. “Virginia Raggi, l’incompetente sindaco di Roma, ha sfrattato la storica sezione della destra romana di Colle Oppio. Una sezione aperta nel 1946 dagli esuli di Istria e Dalmazia fuggiti alla furia della pulizia etnica dei partigiani comunisti jugoslavi e che da allora è stata ininterrottamente un punto di riferimento per tutti i patrioti d’Italia. Con la mistificazione tipica della faziosità comunista, il peggior sindaco della storia della Capitale, fa riferimento a una inesistente morosità sui locali, fingendo di non sapere che da anni la pratica di formalizzazione del rapporto di locazione è ferma presso gli uffici comunali”.

MA LA EX SEDE DEL MSI NON È UN “RUDERE”

La concessione degli spazi era stata stipulata nel 1959, quando fu formalizzata con l’allora Sezione “Istria e Dalmazia” del Movimento sociale italiano e successivamente rinnovata nel 1963 per nove anni. Il “rudere” di cui parla Giorgia Meloni, in un altro passaggio del suo intervento, presenta al suo interno ambienti di età romana pertinenti al complesso delle Terme di Traiano, così come sottolineato anche dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali che aveva già sottolineato più volte, da ultimo nel 2015, la necessità di riacquisire il bene per sottoporlo alla sorveglianza degli organi di tutela.

Giorgia Meloni con Matteo Salvini

 

Photo credits: Twitter, Facebook

Commenti

commenti