Torino, spara in strada alla sua compagna. Poi si uccide davanti ai poliziotti

Tentato omicidio e poi suicidio. Tragedia a Torino, dove all’alba di domenica 13 agosto in Corso Vittorio Emanuele II un uomo ha sparato alla sua donna ferendola gravemente e poi si è ucciso. 

Ferisce una donna alla testa e poi si uccide davanti agli agenti della squadra volante della polizia. Un uomo di 45 anni è morto così alle 6.30 del mattino di domenica 13 agosto, a Torino, alla Crocetta, in corso Vittorio Emanuele II. La notizia è riportata online da Repubblica Torino, in un articolo a firma di Jacopo Ricca.

La tragedia è avvenuta all’angolo con corso Galileo Ferraris. Dopo aver ferito alla testa la donna che era con lui, l’uomo dopo averla colpita si è allontanato e – forse pensando di averla uccisa -, quando i poliziotti lo hanno raggiunto si è sparato un colpo in testa con la pistola che aveva in casa.

Sul posto sono arrivati gli agenti della sezione omicidi della Squadra Mobile che stanno cercando di capire le ragioni all’origine del doppio gesto folle dell’uomo. L’arma usata nel tentato omicidio e nel suicidio era legittimamente detenuta, e forse l’uomo la usava al poligono, sebbene non avesse il porto d’armi per poterla portare con sé. La donna, che ha 31 anni, subito soccorsa è stata trasportata in ospedale e presenta una ferita lacero contusa al capo, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Photo credits: Twitter, Facebook

Commenti

commenti