Roma, trascinata via dalla metro: sotto inchiesta il macchinista [VIDEO, IMMAGINI FORTI]

Nel video le immagini agghiaccianti riprese dalle telecamere di sorveglianza della metropolitana B di Roma alla stazione Termini. Si riferiscono al gravissimo incidente accaduto la sera di mercoledì scorso 12 luglio. La donna è ancora grave in ospedale, il macchinista è indagato per lesioni.

Le immagini del video mostrano una donna – bielorussa di 43 anni, Natalya Garkovich -, che per un attimo sembra voler entrare nel vagone poi si ritrae, forse rendendosi conto che ormai il treno era in partenza. Resta però incastrata nella porta e viene trascinata via per diversi metri prima di cadere all’interno della galleria. Intanto le persone in banchina e in particolare una guardia giurata cercano di aiutarla e all’interno del vagone i passeggeri azionano il freno di emergenza che però non funziona.

Adesso il macchinista è sotto inchiesta. Stava mangiando un panino, a quanto sembra. E quindi, forse, si era distratto. Ma, soprattutto, i freni di emergenza non hanno funzionato. L’ipotesi di reato, per il conducente indagato, è di lesioni. La Procura capitolina ha acquisito una serie di filmati oltre all’informativa della Polizia e ha proceduto alla formale iscrizione del dipendente Atac. Del caso si occupa la polizia che nei giorni scorsi ha inviato un’informativa alla procura che ha aperto un’indagine sulla vicenda.

In uno dei due video, che riprende più da vicino la cabina del conducente della metro, si vede lo stesso che fermo in stazione controlla più volte nello specchio retrovisore le persone che salgono e scendono prima di ripartire mentre porta qualcosa alla bocca, sembra mangiare. Atac, dal canto suo, ricorda che da subito “è stata costituita una commissione di inchiesta, che sta procedendo con gli organismi di vigilanza (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti e Regione Lazio) preposti a valutare tutti gli elementi per la corretta ricostruzione dei fatti e le effettive responsabilità”.

Photo credits: Twitter; video credits: RepTv

Commenti

commenti