Facebook, post antisemita contro Fiano (Pd): deputato del gruppo di Fitto nella bufera

Massimo Corsaro, deputato del Gruppo Misto per Direzione Italia di Raffaele Fitto (il quale è un ex Forza Italia), scrive una volgarità, per giunta antisemita, nei confronti di Emanuele Fiano (Pd), mentre alla Camera è in discussione il disegno di legge contro l’apologia di fascismo sui social media. E scoppia la polemica.

Che poi, le sopracciglia le porta così per coprire i segni della circoncisione…“. Massimo Corsaro, componente della corrente di Raffaele Fitto nel Gruppo Misto, attacca così, sulla sua pagina Facebook, Emanuele Fiano, proponente del ddl antifascismo in discussione alla Camera. “Questo commento è di un deputato della Repubblica italiana. Gruppo Fitto. Sì io sono circonciso ed ebreo. Orgogliosamente” risponde con un post su Facebook il deputato Pd, “Massimo Corsaro invece esprime oggi il peggio dell’antisemitismo di stampo fascista”. Sui rispettivi profili social dei due deputati si sono scatenate le reazioni dei cittadini. Solidali con Fiano da una parte, duri e anche insultanti nei confronti di Corsaro dall’altra, stigmatizzato da molti come impresentabile. Su Twitter per buona parte della giornata di oggi 12 luglio l’hashtag #iostoconlele è stato primo in classifica nelle tendenze in discussione.

Da Corsaro vergognose parole a sfondo antisemita tanto più inaccettabili perché dette da un parlamentare” commenta la presidente della Camera Laura Boldrini. La sua vice, Marina Sereni, si aspetta “una reazione sulla gravità delle parole di Corsaro da parte del suo gruppo a Montecitorio”. Solidarietà a Fiano e attacchi al deputato ex Fdi da tutto il Partito democratico. “Spero che Corsaro si dimetta entro stasera se conosce ancora il significato della parola dignità” afferma il segretario del Pd Matteo Renzi. “Solidarietà totale ad Emanuele Fiano” twitta Maurizio Martina, ministro delle politiche agricole e forestali. Per Ettore Rosato, capogruppo dei deputati Pd, “le parole di Corsaro sono indegne: sono certo che lui non si offenderà se lo definisco razzista e fascista”.

Il post Facebook contro Fiano

“Se qualcuno aveva dei dubbi riguardo alla necessità di una legge contro il fascismo e contro i fascisti si guardi il post dell’onorevole Massimo Corsaro” afferma il capo della comunicazione del Pd Matteo Richetti “un post che non si può commentare per violenza, volgarità e indecenza”. Stesse reazioni dal resto della sinistra. “Solidarietà del gruppo parlamentare di Sinistra Italiana e di Possibile ad Emanuele Fiano” scrive su Twitter il capogruppo dei deputati di Si Giulio Marcon “Dal deputato Corsaro parole indegne e antisemite che non meritano di essere neanche citate”. “In un Paese civile chi usa parole così schifose e stupide, non dovrebbe nemmeno stare in Parlamento” afferma Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana.

Travolto dalle polemiche, Massimo Corsaro, lungi dall’intenzione di dimettersi o anche solo di chiedere scusa, ha replicato, secondo quanto riporta il sito web dell’Ansa, asserendo di non aver voluto essere antisemita, ma di aver fatto un attacco personale: “Ho piuttosto inteso, con un linguaggio “forte” come – purtroppo o per fortuna – si usa sui “social”, e usando una sua fotografia, dargli del “testa di c…”.

Massimo Corsaro, deputato del Gruppo Misto per Direzione Italia di Raffaele Fitto

Photo credits: Twitter

Commenti

commenti