Trovata Celeste Ruiz in Messico, notizia shock per i genitori di Angela Celentano

Clamorosa svolta nell’indagine su Angela Celentano. L’Interpol ha rintracciato Celeste Ruiz, la ragazza messicana che si è riconosciuta nelle foto della piccola. Convocato un vertice in procura a Torre Annunziata.

Svolta clamorosa nell’indagine messicana riguardante la ricerca di Celeste Ruiz, la ragazza che nel 2010 si è riconosciuta nelle foto di Angela Celentano, la bambina di 3 anni scomparsa sul Monte Faito il 10 agosto 1996. La Ruiz è stata rintracciata dall’Interpol in Messico ed è stata subito sottoposta all’esame del Dna per verificare la sua identità. Purtroppo, stando a quanto si apprende dalle diverse testate, i risultati del test hanno escluso ogni legame della ragazza messicana con Angela Celentano. La Procura di Torre Annunziata, che indaga sulla sparizione della bambina, ha convocato un vertice al quale è stato invitato anche il legale della famiglia Celentano.

Un mistero quello della scomparsa di Angela Celentano che non trova fine. Nel 2011 Celeste Ruiz ha contattato per la prima volta la famiglia Celentano tramite una mail, nella quale ha dichiarato di aver visto le foto e i video e di essersi riconosciuta in quelle immagini. Tante le speranze della famiglia italiana affiancate da alcuni risultati scientifici: la foto della Ruiz sembrava essere compatibile con l’immagine di Angela e con il volto che la ragazza avrebbe oggi. Purtroppo Celeste Ruiz non è Angela Celentano. Ora si cerca di capire se è stata davvero lei ad interagire con la famiglia italiana o se qualcuno ha preso, in maniera illecita, la foto e ne ha fatto un uso inappropriato.

Nelle prossime ore, negli uffici della Procura di Torre Annunziata, si terrà un vertice tra il capo dei pm Alessandro Pennasilico, il sostituto Sergio Raimondi, i genitori di Angela e il loro legale Luigi Ferrandino, che dal 2010 assiste la famiglia. Tante le domande e i dubbi sui motivi che hanno spinto la ragazza messicana ad interagire con la famiglia della bambina.

Photo Credits Facebook

Commenti

commenti