In libreria

Questa settimana la rubrica di Velvet News “In Libreria” consiglia cinque novità editoriali di diverso genere: un successo nato dal passaparola; la storia di coraggio e passione di una donna pronta a tutto per ritrovare suo figlio; l’ultimo attesissimo episodio della serie bestseller Night School; il nuovo fenomeno editoriale francese; uno straordinario romanzo di amore e tensione.

La settima profezia di G. L. Barone:
la-settima-profezia_8615_x1000

È quasi l’alba quando, a bordo del lussuoso transatlantico Princess of the Oceans, viene rinvenuto il cadavere di uno dei passeggeri. Si tratta dell’archeologo Leonardo Domianello, sgozzato e abbandonato nella vasca idromassaggio di una delle cabine. Lo shock, per il suo amico e compagno di viaggio Niccolò Nobile, è fortissimo. Convinto di sapere chi sia l’assassina – una donna incontrata la sera precedente nel casinò della nave – si mette sulle sue tracce. Contemporaneamente, all’aeroporto di Mosca, il jet di monsignor Dominique De Lestes, presidente di un’importante fondazione religiosa, esplode sulla pista. Prima di essere ucciso pare che De Lestes avesse visitato un’installazione segreta voluta dal governo russo negli anni Settanta: la cosiddetta Wardenclyffe Tower, nota anche come Torre di Tesla. Cosa lega i due eventi? A indagare viene chiamato l’ispettore Nigel Sforza dell’Interpol, che affianca Zeno Veneziani, un esperto pubblico ministero romano. Gli indizi conducono prima in Vaticano e poi alla SunriseX International, una multinazionale con sede a Ginevra.

 

 

Il giardino dei profumi perduti di Jan Moran:
il-giardino-dei-profumi-perduti_8617_x1000

Quando Danielle Bretancourt lascia insieme al marito la Polonia, a bordo di un transatlantico di lusso, affidando alla nonna paterna il suo adorato bambino, non immagina che la sua vita sta per cambiare per sempre. Danielle ha un dono speciale: riesce a creare dei profumi perfetti. La sua famiglia ha prodotto profumi per centinaia di anni e lei intende portare avanti la tradizione. L’anno è il 1939, e la dichiarazione di guerra e l’ascesa dei nazisti nel continente europeo minacciano la sua famiglia, divisa tra la Francia e la Polonia. Passando per Londra, Danielle raggiunge i genitori a Parigi, ma in seguito alla morte del marito, e con l’aiuto del fratello che milita nella lotta clandestina antinazista, torna nella Polonia occupata alla disperata ricerca del figlio, sostenuta dall’affascinante Jonathan Newell-Grey, giovane capitano della Marina. Nonostante le innumerevoli difficoltà e i gravissimi lutti subiti, riuscirà a mettere in salvo alcuni dei suoi familiari fuggendo con loro in America, povera e senza risorse, per iniziare una nuova vita. Una volta a Los Angeles, potendo contare solo sulla sua determinazione e il suo talento, una nuova sfida la attende: conquistare con i suoi profumi la raffinata élite di Hollywood.

 

Il segreto del fuoco. Night School di C.J. Daugherty:
il-segreto-del-fuoco-night-school_8619_x1000

La spia non c’è più, ma il costo è stato alto. I ribelli della Cimmeria Academy hanno perso i loro leader: Lucinda è morta, Carter West è stato rapito. Nathaniel può gustarsi la vittoria, e la Night School rischia di scomparire per sempre. Ma se la battaglia è perduta, la guerra è ancora in bilico: Allie e gli altri sopravvissuti non hanno ancora gettato la spugna. Dovranno ritrovare e salvare Carter, segregato in un luogo inaccessibile, in una feroce corsa contro il tempo e contro la morte. E poi dovranno farla pagare a Nathaniel, strappandogli un potere che rischia di disgregare gli equilibri mondiali. Per Allie è giunto il momento di accettare il proprio destino e di prendere in mano le sorti di una partita pericolosa e molto più grande di lei: in un modo o nell’altro, il gioco dovrà finire.

 

 

 

 

Madame Claudel è in un mare di guai di Aurélie Valognes:
madame-claudel-e-in-un-mare-di-guai_8677_x1000Ferdinand Brun vive a Parigi, al numero 8 di Rue Bonaparte, ha ottantatré anni e non gli piacciono le persone. Sfortunato dalla nascita – ha perso la mamma e la nonna quando era ancora piccolo –, è cresciuto nel risentimento, diventando introverso e taciturno. Purtroppo con il passare degli anni è addirittura peggiorato e così la moglie lo ha mollato di punto in bianco scappando con il postino, mentre la figlia e il nipotino sono andati a vivere dall’altra parte dell’oceano. Rimasto solo con la cagnolina Daisy, unico essere vivente degno del suo affetto, Monsieur Brun ha deciso di disertare il genere umano e di ridurre al minimo i suoi contatti con gli altri, compresi quelli con la portinaia, la detestata Madame Suarez. Un infausto giorno, la cagnolina Daisy muore e la settimana dopo Monsieur Brun rimane vittima di un incidente. Tutto è contro di lui, e quando la figlia lo mette di fronte all’ipotesi dell’ospizio, non gli resta che accettare l’aiuto di Madame Claudel, un’arzilla signora di novantatré anni, che abita al suo piano. Ma sarà l’arrivo della piccola Juliette, figlia dei nuovi condomini, l’unico evento in grado di scalfire il muro di diffidenza e scontrosità che il vecchio ha costruito intorno a sé.

 

 

Sette giorni di te di K.A. Linde:
sette-giorni-di-te_8696_x1000
Lexi ha finalmente detto addio ai rapporti distruttivi e ha iniziato una relazione con un uomo molto sexy, ma proprio quando pensa di essere riuscita a chiudere con il passato una volta per tutte, il suo mondo viene di nuovo messo sottosopra da una telefonata di Ramsey Bridges. Un anno dopo il suo ingresso nella vita di Lexi, Ramsey sta cercando di chiederle scusa e fa l’unica cosa che lei non si aspetterebbe mai: la invita al matrimonio di Jack. Il matrimonio che lei ha cercato a tutti i costi di evitare. A quanto pare per Lexi è impossibile sfuggire a Jack e a tutto ciò che lo circonda. Ma lo desidera davvero? Malgrado la chimica esplosiva tra lei e Ramsey, resta scettica e non riesce a fidarsi di lui dopo tutto quello che è successo. E se Ramsey fosse l’unico in grado di farle dimenticare per sempre Jack? O forse sarebbe meglio voltare le spalle a ogni cosa e dedicarsi alla sua nuova vita?

 

 

 

Photo Credits: Facebook

Commenti

commenti