In libreria

Questa settimana Velvet News per la rubrica In libreria consiglia cinque libri che spaziano di genere in genere: il nuovo libro di Loretta Goggi; un inedito noir di Leo Malet pubblicato a vent’anni dalla morte; l’attesissimo romanzo della serie bestseller Ti aspettavo; il libro che vuole essere un bilancio sul mandato di Barack Obama; un originale manuale culinario dell’amatissimo cuoco Antonino Cannavacciuolo

 

 

Mille donne in me di Loretta Goggi (Piemme Edizioni)

In libreriaMancava solo la definizione di scrittrice per completare il tanto variegato profilo artistico della grande Loretta Goggi, protagonista di una lunga e brillante carriera. Showgirl, cantante, conduttrice, attrice, Loretta Goggi con la sua verve e la sua impeccabile bravura è diventata una star dello spettacolo italiano. Con Maledetta primavera infatti, canzone con la quale ha partecipato a Sanremo nel 1981 classificandosi seconda, oggi divenuto un felicissimo evergreen,è entrata meritatamente nel cuore del pubblico italiano. Adesso continua a farlo anche come scrittrice, rivelando una penna raffinata e calibrata. Nel suo nuovo libro Loretta Goggi si confronta con figure femminili eccezionali come lei, sebbene ognuna nel proprio ambito. Sono 12 donne che hanno influenzato particolarmente l’artista in ogni tappa della sua vita e della sua carriera. Nel libro si avvicendano i vari incontri tra colei che è degnamente considerata la donna più completa dello spettacolo italiano e profili di donne di altrettanto elevato spessore artistico, sociale e culturale. Dalla pittrice impressionista Berthe Morisot all’attrice comica Tina Pica, dalla ballerina Margot Fonteyn alla poetessa Alda Merini, nel volume vengono fissati incredibili ritratti di donne. Un libro che sembra quasi un diamante: tante faccie, tutte diverse, tutte straordinarie, ma che emanano un’unica, identica, luce accecante.

Le acque torbide di Javel di Léo Malet (Fazi Editore)

In libreriaA vent’anni dalla morte di un grande scrittore di noir francese, viene pubblicato un suo romanzo inedito, tradotto per noi da Federica Angelini. Nel libro viene raccontata un’altra avventura di Nestor Burma, l’investigatore sciupafemmine protagonista di una trentina di romanzi di Léo Malet. Lo scrittore, infatti, inventò questo personaggio nel 1943 con 120 Rue de la Gare. In questa nuova vicenda, l’attraente e ironico Burma si impegna ad aiutare Hortense Demessy, giovane donna incinta che non trova più suo marito. La ricerca però si fa subito complicata e non poteva essere altrimenti, visto che ad essere cercato è un vecchio clochard che ha tutta l’aria di essersela svignata. L’inarrestabile investigatore comunque non si arrende e continua a cercare. Lungo la strada però, nel corso della sua estenuante ricerca, invece del clochard troverà soltanto cadaveri, molti cadaveri. Ancora una volta, dopo vent’anni dalla sua scomparsa, Léo Malet conferma quella sua incredibile capacità a tratteggiare figure così sorprendenti, che sembrano continuare a vivere oltre i limiti imposti dalle pagine.

Per sempre con me di Jennifer L. Armentrout (Nord Edizioni)

In libreria“Il modo in cui aveva pronunciato il mio nome mi provocò un brivido caldo”. Questa è la prima reazione che, tra le primissime righe, Nick provoca in Stephanie, i protagonisti di Per sempre con me, il nuovo quinto episodio della serie bestseller Ti aspettavo. Si tratta di un romanzo attesissimo da parte del mondo delle lettrici che non finiranno mai di emozionarsi leggendo una struggente storia d’amore. La serie, articolata in sei volumi, sta riscuotendo grande successo. D’altronde la firma di Jennifer L. Armentrout è ormai una garanzia. La trama, sentimentale e romantica, rientra nel genere della narrativa rosa. Racconta di un amore giovanile incontenibile, che va oltre quelle che potrebbero essere le barriere innalzate dall’orgoglio e dall’indifferenza. Stephanie, infatti, incredula e diffidente nei confronti di qualsiasi ragazzo, dovrà ricredersi quando incontrerà Nick, il barista più affascinante del Mona’s Pub. E’ la storia più antica di tutti i tempi: due giovani, un colpo di fulmine, inevitabile innamoramento. Però queste storie, così semplici, così tenere, ci piacciono più di qualsiasi altra perché, alla fine, le abbiamo vissute anche noi e le percepiamo quindi, inevitabilmente, come un po’ nostre.

Obama il grande di Massimo Teodori (Marsilio Editori)

In libreriaQuando manca poco alla scadenza del secondo mandato del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, quando il destino tra repubblicani o democratici al potere si fa incerto, questo libro di uno dei massimi esperti in Italia di storia americana vuole tirare le somme. Obama è stato un Presidente da lodare o biasimare? Ha lasciato una traccia positiva o negativa? Insieme a questi sono molti gli interrogativi ai quali l’autore cercherà di rispondere, producendo argomentazioni interessanti sulle problematiche più disparate. Terrorismo, razzismo, disuguaglianza sociale e civile sono solo alcune delle questioni più cruciali che hanno visto impegnato in prima linea un Presidente dal forte spirito rinnovatore. L’autore ci accompagnerà quindi nel corso della sua riflessione critica, con l’intento di fornire un bilancio complessivo che, insieme ai punti forti, non tralascia di smascherare quelli che sono stati anche i probabili punti deboli dell’ultimo grande leader degli Stati Uniti.

Il piatto forte è l’emozione di Antonino Cannavacciuolo (Einaudi)

In libreriaPer gli appassionati di cucina questa settimana consigliamo Il piatto forte è l’emozione, il nuovo libro del cuoco che con la sua cucina ha saputo riunire l’Italia. Originario del Sud, Antonino Cannavacciuolo ha sposato infatti Cinzia Primatesta, che vive e lavora da sempre nel Nord. Cinzia Dirige l’Hotel Villa Crespi, sul Lago d’Orta, dove Antonino Cannavacciuolo è lo chef ufficiale. Si è guadagnato due stelle Michelin, tre forchette del Gambero Rosso e tre cappelli dell’”Espresso”. Si è affermato come conduttore della versione italiana del talentshow Cucine da incubo, in onda su Deejay tv e come giudice di MasterChef. Nel libro tuttavia oltre al suo genio e al suo talento, emerge qualcosa in più. Accanto alle ricette, alle spiegazioni sugli ingredienti e sulle materie prime, ai segreti dello chef, Antonino Cannavacciuolo rilascia un’interessantissima rivelazione sul mondo culinario. In cucina è impossibile realizzare grandi piatti senza un ingrediente insostituibile, l’emozione. Quell’aggregante energico e vitale che renderà i vari piatti unici, quasi avessero un’anima propria. Del resto Antonino Cannavacciuolo ce lo dice immediatamente fin dalla quarta di copertina: “Il segreto è scegliere bene gli ingredienti, sono loro il vero tesoro del nostro Paese. E per sceglierli basta ascoltarli: gli ingredienti ti parlano”.

Per le vostre segnalazioni libri scrivete a leonilde.zuccari@gmail.com

Photo credits: Facebook

Commenti

commenti